Link Utili

Cat's Paw Sailing Channel Cat's Paw Sailing Channel

Normativa Altura

ORC Rating

ISAF Special Regulations

Regolamento Regata

 
Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
 
Statistiche
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 1 ospiti
MotdCat's Paw Sailing Team

Speed Test il 13 Dicembre 2015

Argomento: gamesSabato 12 Dicembre pomeriggio dedicato ai lavori "minimi" per partecipare alla Veleggiata della Domenica, scaricato parte del carico della Crociera, armato Randa da Regata, tolto tamburo Genoa MA NON montato Taff Luff... E conosciuto Dario nuovo della barca..
Finalmente Domenica giornata coperta e 3/4Knot di Nord Ovest si prospetta una giornata complessa soprattutto per due motivi barca non perfetta in termini di preparazione ed equipaggio del Sailing Team composto solo da 3 elementi e tutti gli altri "nuovi" della barca.
Partenza in orario davanti a Vesima e di Poppa senza disimpegno (si tratta di una veleggiata quindi certi accorgimenti non sono necessari) e le barche alla partenza sono circa 50 e di tutte le tipologia da alcune abbastanza blasonate ad altre venute per passare giustamente in compagnia la domenica.
Il percorso prevede una boa davanti ad Arenzano e ritorno dunque un bastone di 8 miglia circa ma il vento latita.
Partenza in boa, pochi secondi dopo la partenza SU DI SPI e sorprendentemente Cat's Paw è nelle primissime posizioni insieme ad un J velocissimo ed un X41..
Purtroppo il vento cala e la rotta è troppo sotto costa penalizzando molto Cat's Paw che si vede sfilare da una decina di barche, a questo punto risale il vento ruotando di 50 Gradi su di genoa e si inizia ad andare fino alla boa di Arenzano dove le barche davanti sono 26, troppe visto i presupposti.
Girata la boa su di Spi senza troppi problemi e questa volta la rotta è più "alta" evitando prudentemente la costa e anche se i 5Knot sono pochini si procede abbastanza velocemente fino all'arrivo superando 5 concorrenti.
Quanti rimpianti per la carena "sporca" e quell'errore sottocosta ma il divertimento è stato assicurato.
A terra il 5 posto di classe soddisfa solo in parte l'equipaggio soprattutto perchè il J velocissimo nelle ariette è primo ma visto i presupposti non si poteva chiedere molto di più.
Pubblicato Lunedi 14 Dicembre 2015 - 12:22 (letto 6424 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (39) Print Stampa

Speed Test il 13 Dicembre 2015

Argomento: newsLa voglia di andare in acqua è tanta, il Sailing Team non riesce ad aspettare il 2016 e quindi quale migliore occasione per provare alla Veleggiata di Natale il 13 Dicembre 2015 organizzata dagli Amici del Circolo Nautico Marina Genova Aeroporto. Si tratta di una opportunità per "provare" nuovi compagni di viaggio che potrebbero aggiungersi al team.
Pubblicato Mercoledi 09 Dicembre 2015 - 15:14 (letto 2437 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (5) Print Stampa

Il Cat's Paw Sailing Team torna in acqua

Argomento: newsDopo tanta attesa ripartono le selezioni del Sailing Team con dei fast-test a Genova per "popolare" la Crew. I programmi si stanno delineando e per il momento sono certe le regate più importanti come Invernale del Tigullio, 151 Miglia, Giraglia Rolex, Copa del Rey e Maxi Rolex.
Si sono aggiunte delle barche dopo i risultati del Sailing Team nel corso della stagione 2014/2015 quindi chi fosse ineteressato può contattare come sempre il nostro tattico tattico@catspawsailingteam.it che coordina i test.
Pubblicato Venerdi 13 Novembre 2015 - 17:27 (letto 2372 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (4) Print Stampa

La regata dei Cetacei 2015 vissuta nella cerata dell'Armatore

Argomento: notesCome al solito i giorni prima della regata, rubando tempo al lavoro e al sonno, sono stati dedicati alle check list delle cose da fare per preparare la barca. Prima regata della stagione, dopo un lungo periodo d’ inattivita' , ci vuole una preparazione e un check delle piccole cose che non funzionano piu', a causa del non uso;.
Tutto pronto, per il we di Pasqua Marco con degli amici porta la barca da Genova a Viareggio.
Il venerdi mattina successivo iniziano le danze.
Spesa per la cambusa, recupero Giorgio e Marco a Genova e via per Viareggio. Da una settimana tutti guardiamo il meteo e il viaggio passa a discutere sulla migliore rotta. Lascio parlare I miei amici, ma tanto so che alla fine si decidera' al momento. Le previsioni restano sempre tali. Sono come il budget dei progetti informatici. Non sono mai giuste e c' e' sempre un cambiamento.
A Viareggio prepariamo la barca che e' ancora in configurazione crociera. Sbarchiamo un bel po' di cose e le lasciamo nelle macchine che diventano dei depositi.
Dopo un pranzo, come piace a me, ovvero abbondante e buono, un po’ di relax e finalmente si esce.
Prima di accendere il motore compio quei gesti che mi staccano simbolicamente e mentalmente dalla terra ferma. Portafoglio e chiavi sotto al tavolo da carteggio., stacco la rete del telefono e avvio il Navionics per convertire anche lui, da oggetto di terra ferma a oggetto di mare. Quando salgo in barca io e tutti I miei oggetti personali entrano in simbiosi con la barca e il mare.
Usciamo dal porto. Cippa quasi totale. Andiamo verso la linea di partenza. I meccanismi del equipaggio di Cat' Paw si mettono in moto. Cerchiamo di capire la posizione migliore per partire i prodieri tirano su il light. Alle 17.30 partenza con 3/4 nodi. Partiamo mure a sinistra vicino al contro starter.
Poco vento e siamo un po’ coperti. Devo poggiare per far camminare e liberarmi dei rifiuti. Il vento sale un pochino e a 5/6 nodi con mare piatto la barca va bene. Tutti concentrati scendiamo verso terra. Cerchiamo il refolo leggendo il mare. Zig zag di poggia e orza per stare nella bava di vento. Poi cippa totale. Il meteo non e' rispettato, ma questo si sa.
Stando sotto terra arriviamo di spi al Tino. Non sembra che siamo messi male. Contiamo 6/7 barche davanti a noi. Ci teniamo larghi e puntiamo su Porto Venere. Bellissima come sempre, ma non mi godo il paesaggio sono concentrato a far camminare la barca. Ora si deve scegliere se andare dritto per dritto su Giraglia o fare altro. Il tattico decide. Giu spi e bolina larga rotta 140°. Prua quasi su Orbetello. Conta su un giro del vento che ci porti poi a scendere verso Giraglia senza dover bordeggiare. Francamente mi sembra un erroraccio, ma la barca non e' una democrazia e ogni uno deve stare nel suo ruolo. Io devo far camminare la barca il tattico deve dirmi dove andare. Iniziano i turni. Io sto fuori con Andrea e Riccardo. Mano a mano che avanziamo con 10/12 nodi la tattica si dimostra giusta. Il meteo ci ha beccato. Devo poggiare e scendere verso la rotta giusta. Il vento sale un poco, la barca vive e ci stiamo sparando i nostri 6/7 nodi. La luna rossa sale ed e' uno spettacolo che, pur avendolo visto molte volte, affascina sempre. Scendo per riposarmi e al mio ritorno vedo che il vento e' cresciuto siamo sui 18 con punte a 21. Il light e' troppo. Sbandiamo e non navighiamo sulle nostre linee d' acqua. Mi attendo poi che piu' ci avviciniamo a Capo Corso il vento aumenti. 20 anni di crociere in queste zone me lo hanno insegnato. Passiamo al olimpico e la barca prende prua e passo. Vediamo altre barche sotto vento e alcune sopra. Non sembra che siamo messi male. Battagliamo a distanza con un altro che pero' teniamo a bada. Cosi fino alla Giraglia. Nonostante il nostro bordo iniziale siamo scaduti rispetto alla Giraglia ma riesco a tenere la prua su e il vento mi da buono. Non dovremo fare un bordo per prenderla. Passiamo. Sono sempre affascinato da Capo Corso e pur pensando alla regata non mi perdo lo spettacolo. Giriamo con attenzione il mitico scoglio, sotto arriva una barca e non se ne parla di farsi passare in interno alla Giraglia. Virata calcolta al millimetro e via. In pozzetto I soliti discorsi: ‘Ci sta lo spi o no?’ ‘Poggiamo per metterci in rotta e poi vediamo. No non ci sta troppo stretto’. Vedo che pero’ il light ora puo’ tenere siamo al traverso e guadagneremmo un nodo. Via con la manovra. La barca dietro si avvicina durante il cambio ma poi una volta tutto a punto schizziamo via. Inizia un ingaggio a distanza che dura fino dopo la Gorgona. Si avvicinano molto, chiramente camminano piu’ di noi. Vediamo che si tratta di Assidous of Cork un magnifico Swan 44. In effetti soffrono meno l’onda di noi e quindi con il mollare del vento sono meno infastiditi. Capisco che ci passeranno, ma la pelle la vendiamo cara. Non se ne parla nemmeno di farsi passare da sopravento. Inizia il gioco di orza e poggia tra noi e loro per non perdere troppo la rotta, ma nemmeno per farsi coprire. Per almeno mezz’ora si danza con loro. Io al timone attentissimo e Marco a curarli per dirmi cosa fanno, alla fine ci passano, ma da sotto vento. Lo sapevamo ma almeno non ci siamo fatti coprire troppo. Danno Gennaker. Certo se lo avessimo anche noi… Ma non si puo’ avere tutto. Poco dopo vedo che il vento allarga e lo SPI ci sta. Su lo SPI, si riparte alla caccia. Possiamo scendere piu’ profondi senza perdere velocità, ora pagano il fatto di non avere lo SPI, loro. Prendiamo metri e li ri-passiamo con una rotta migliore verso Viareggio. Ora il vento cala e ritorna il giochetto di far camminare con le bavette. Verso terra sembra ce ne sia di piu’, allora vai li poi risaliremo su Viareggio. La notte cala, si vedono diverse luci intorno a noi, l’onda molla del tutto e Cat’s Paw con onda quasi nulla e una bava di vento parte bene. Andiamo a 4kn con 6 di vento. Accendiamo la radio per capire gli arrivi il tattico scandisce velocità e miglia mancanti con l’occhio sul cartografico. Sentiamo che Voscia é in arrivo a noi manca poco. Se Voscià é in arrivo, visto che é una barca forte, e noi non siamo lontani, forse tanto male non siamo. Tattico e tailer cercano la boa di arrivo. Tensione in barca, non la si vede io cerco di far camminare e chiedo la rotta da tenere, al tailer chiedo ancora concentrazione sulle vele, non voglio perdere un metro. Finalmente vediamo la boa scintillante e tagllamo il traguardo. Riceviamo per radio la conferma del nostro arrivo. Giu le vele e in porto, riassettiamo la barca e dormita. Solo la domenica vedo il risultato finale. 1° di classe e 4° over all in reale dietro a 3 barche molto piu’ grandi di noi.
Risultato che é andato oltre le nostre migliori previsioni.
Bravi regazzi e bravo Cat’s Paw.
Mia moglie conclude con un laconico: Beh siete piu’ forti sulle lunghe che sui bastoni. Sembra che anche lei si stia interessando alla tecnica…
Pubblicato Mercoledi 15 Aprile 2015 - 18:17 (letto 40967 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (274) Print Stampa

Argomento: newsBUONA LA PRIMA !
Alle 17h30 i giudici alzavano la bandiera di avviso come da Istruzioni di Regata e cinque minuti dopo il via alla prima regata del Cat's Paw Sailing Team si lanciava verso il Tino con tanto entusiasmo ma poco vento.
Il Tattico sceglie di stare abbastanza vicino alla costa fino a Forte dei Marmi per uscire poi a cercare un vento di 4/6 nodi che porta la barca fino al Tino dove gira alle 23h30 passando circa sesti overall delle 38 barche al via.
Da quel punto la scelta è molto azzardata scendendo a Sud per cercare il vento a differenza del resto della flotta che sceglierà una rotta più a nord. La scelta risulta vincente perchè il vento sale fino a qualche raffica a 20 nodi e la rotazione porta in un solo bordo fino alla Giraglia.
Alle 11h00 la Giraglia appare con tutto il suo fascino e il Team gira con un ottimo 5 posto a questo punto sarebbe bello avere un gennaker che purtroppo non è a bordo ma inizia una navigazione con vento da 10 nodi fino dopo la Gorgona dopodichè il vento "muore" e sarà una ricerca ossessiva del vento fino a scegliere di andare sotto costo tra Marina di Pisa e Viareggio dove per circa 1h il vento è completamente latitante. Ecco però che ancora una volta la scelta è ottima e una piccola brezza sale che porterà Cat's finoa Viareggio arrivando alle 23h13 di Sabato notte.
Attorno è chiaro che il risultato sembra nell'aria e infatti entrando nel porto di Viareggio le barche sono ancora tutte fuori in regata.
Dopo una meritata dormita il risultato diventa concreto 4 in tempo reale OVERALL, 2 ORC Overall e PRIMI di Classe!
BRAVI RAGAZZI !

A seguire le foto della premiazione.
Pubblicato Domenica 12 Aprile 2015 - 20:12 (letto 2922 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (1) Print Stampa

Regata dei Cetacei

Argomento: newsVenerdì 10 Aprile 2015 alle 17h00 la partenza della prima regata della stagione si tratta di una "Classica" dove il Cat's Paw Sailing Team si è già distinto per piazzamenti di rilievo e difende il podio del 2014. Si tratta di 160 miglia circa di regata tra le più tecniche dell'alto Tirreno e complicata dal meteo che in questa stagione è particolarmente instabile.
Il tratto Viareggio Tino si presenta con caratteristiche di poco vento e dunque la differenza la farà il tattico con le sue scelte a dir poco complesse questa volta. Una volta "girato" il Tino (probabilmente a notte inoltrata) le cose miglioreranno con un leggero SUD che aumenterà fino alla mitica Giraglia.
L'isola Corsa rappresenta alle prime ore del giorno uno spettacolo difficilmente descrivibile ma che è ben chiaro a tutti gli equipaggi che avranno la possibilità di ammirarlo Sabato.
Una volta che la prua punterà l'arrivo verso Viareggio le cose si complicheranno come sempre, il passaggio in Gorgona non è famoso solo per le leggende ma anche per essere uno dei passaggi più tecnici del mediterraneo.
L'equipaggio è al completo, la barca si trova a Viareggio anche se mancano ancora parecchi "lavoretti" e il morale è alle stelle... pronto a trasformarsi in furore agonistico che contraddistingue il Cat's Paw Sailing Team da anni.
I conti si faranno con il fisico intorpidito da un inverno lungo e una pausa durata TROPPO TEMPO e qualche malanno che perseguita alcuni componenti dell'equipaggio.
Ma non ci sono problemi si tratta di una longuette in barca ci sono vecchie conoscenze che non portano l'orecchino (simbolo degli Horner) ma che ne avrebbero tutto il diritto avendo navigato in mari complessi ...
FORZA RAGAZZI VI SEGUIAMO !
Pubblicato Mercoledi 08 Aprile 2015 - 15:11 (letto 2882 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (1) Print Stampa

2 posto per Cat's Paw nel Campionato Intercircoli della Liguria

Argomento: news3 Maggio 2014
Alla Lega Navale di Sestri per il Cat's Paw Sailing Team è una festa secondo posto nonostante un RET nell'ultima prova comunque premia un Campionato fatto di ottimi risultati.
Dopo l'ottimo risultato alla Regata dei Cetacei e questo del Campionato Intercircoli adesso arrivano le regate molto importanti 151 Miglia, Giraglia Rolex per continuare in crescendo fino ai Campionati Italiani ORC a Loano e la Copa del Rey a Palma.
Pubblicato Mercoledi 21 Maggio 2014 - 18:55 (letto 3784 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (5) Print Stampa

La penunltima regata del Campionato Intercircoli della Liguria porta bene al Cat's Paw Sailing Team

Argomento: news26 Aprile 2014 penultima prova del Campionato Intercircoli della Liguria poco vento (3/4 Knots) e cielo sereno tutte le barche sono sulla linea di partenza per una costiera che porta verso levante.
Partita la classe ORC e cinque minuti dopo la Classe di Cat's Paw.
Cat's Paw si lancia in una bolina sfruttando il nuovo Genoa leggero e corre alla velocità del vento 2 nodi, 3 nodi... e via tutti sotto vento tutti attenti ad ogni salto di vento.
Il tattico sceglie una strategia di centro campo di regata virando ogni 5 minuti per trovare piccole raffiche che riescono a portare la barca sempre in assetto anche se non velocissima.
Una, due, tre... barche riprese poco a poco la tattica paga e Cat's vola davanti alla sua flotta, l'equipaggio è concentrato al massimo.
Le altre barche scelgono l'opzione verso terra ma il tattico di Cat's quasi in solitario (forse il suo passato in minitransat lo aiuta) mantiene la posizione del campo centrale. A circa un miglio dalla prima boa l'annuncio al VHF che la regata è ridotta alla prossima boa e contemporaneamente si alza la voce del tattico SIAMO DAVANTI A TUTTI !
A questo punto il drizzista scorge delle piccole raffiche che insieme alla corrente aiutano Cat's a volare ed arrivare fino al primo della Classe ORC partito 5 minuti prima si tratta di un 40 piedi velocissimo.
Si susseguono virate una dopo l'altra e nonostante la velocità non sia ottimale per la barca si arriva ad un incrocio Cat's Paw mure a dritta e la prima di Classe ORC mure a sinistra e passa prima. Di un soffio la barca ORC passa davanti ma sfruttando la "coda" del vento Cat's orza sulla poppa e guadagna anche se non è nella stessa classe il Team vuole arrivare PRIMO OVERALL e cosi' sarà soltanto cento metri dopo l'incrocio.
Il Team è in festa un risultato strabiliante e frutto di un lavoro lungo e difficile ma il successo è arrivato.

BRAVI di queste prestazioni ne vogliamo vedere altre!
Pubblicato Mercoledi 21 Maggio 2014 - 18:50 (letto 8303 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti (3078) Print Stampa

Cetacei 2014 le sensazioni dell'armatore

Argomento: newsPer giorni prima della regata controllavo il bollettino per vedere quale e quanto vento ci avrebbe portato in giro per il Tirreno lungo il percorso della Cetacei (Viareggio- Tino-Giraglia- Viareggio). Con un certo sconforto vedevo che si annunciava poco vento di direzione variabile, insomma cippa per quasi tutto il WE.
Venerdi, in barba ai bollettini che avevo guardato, a Viareggio c’è un bel vento sui 12nodi, mare calmo, condizioni in cui Cat’s Paw e il suo equipaggio danno il meglio di se. Dopo aver fatto cambusa e gli accrediti si prepara la barca. Noi siamo in classe libera IV. Penso che la regata meriterebbe piu’ immagine il percorso è bello il Circolo Vela mare fa veramente uno sforzo enorme per organizzare tutto con grande passione e professionalità.

Dopo la partenza, per la verità discreta ma non fulminante, ma si sa, nelle lunghe la partenza conta poco è la tattica che conta.

A tale proposito il nostro tattico ci sorprende un po’, fino al Tino ci siamo tenuti fuori bordeggiando a 3 o 4mg da terra. Tutto il gruppo sta sotto. La tattica è vincente e passiamo al Tino tra i primi intorno alle 9.00 se ho ben capito eravamo 6° o 7° over all con un gran distacco dal gruppo dietro

Poi sapevamo che per andare a prendere il vento avremmo dovuto scendere piu’ a sud di quanto non fosse necessario per arrivare in Giraglia, l’abbiamo fatto ma non abbastanza, chi ha avuto ‘il coraggio’ di farlo probabilmente ha guadagnato molto. Penso che pero’ i coraggiosi siano stati molto pochi.

Siamo stati in cippa una buona parte della notte e quando vedevamo il log toccare i 2nodi era già euforia. Poi alla mattina è venuta un po’ d’aria e ci siamo resi conto che eravamo nel gruppo di testa. Il vento è montato e siamo ripartiti bene abbiamo tenuto dietro barche piu’ grosse di noi fino a quando il mare è cominciato a montare. Non molto, ma c’era un po’ di onda, li quelli piu’ grossi ci hanno passato, devo sicuramente migliorare il modo di lavorare le onde con quella barca, mi sono detto . Mi sono risollevato guardando la Giraglia che si avvicinava. I colori, gli odori della Corsica, la vista della baia di Barcaggio hanno risvegliato in me ricordi lontani di anni di crociere, di bagni e di notti passate in rada a guardare le stelle. CSempre un grande spettacolo Capo Corso. Gli incroci con le altre barche e leggere le raffiche e gli scarsi sul acqua mi ha riportato alla regata.

Abbiamo girato la Giraglia alle 4.00 del pomeriggio e poi giu’ sparati un po’ al traversone poi abbiamo potuto dare spi e li eravamo sui 8.7/ 9.0kn. Uno di quelli che ci avevano passato ce lo siamo fumato e poi fino alla Gorgona siamo arrivati con vento, poi tutta notte nelle ariette, li, quasi fermi. Il gruppo dietro ci aveva ripreso, ricompattamento. Abbiamo cercato di puntare su Livorno per andare a cercare le termiche della notte ma non è arrivato nulla. Abbiamo girato la Gorgona alle 0.23.

All’alba avevamo la Gorgona dietro di qualche miglio, nemmeno passata la piattaforma a nord della Gorgona. Pensavamo di essere quasi ultimi e devo ammettere che un po’ di sconforto serpeggiava tra chi era di guardia. Abbiamo deciso di aspettare le 8.00 se non ci fossero state termiche ci saremmo ritirati convinti di aver perso il gancio con il gruppo di testa.

La termica è arrivata e con3.5/4 kn di vento, camminavamo a 2/3kn in alcuni momenti siamo riusciti a crearci il nostro apparente e andavamo come dei razzi (per il vento che c’era) , cercavamo le strisce di vento a zig e zag pur tenendoci sotto terra, ma anche li non abbastanza, chi è sceso piu’ di noi ci è sfilato via. Il gruppo era molto fuori e noi avevamo piu’ vento. Peccato che WAWA ci abbia passato perché l’avevamo messo dietro, comunque bella soddisfazione averlo tenuto dietro per un bel po’ dopo averlo raggiunto durante la notte.
Siamo ripartiti su spi strallatissimo, siamo riusciti a toccare i 6kn di velocità. Non pensavo che fossimo messi bene ma alla fine abbiamo fatto un 3° di classe e un 9° over all. Soddisfatti.


Bravo Cat's Paw Sailing Team, che, dopo 43h di regata erano pronti ancora con la scotta tra i denti per guadagnare una lunghezza in piu’. Cat’s Paw si è comportata bene, pur non essendo un modello blasonato e poco conosciuto, puo’ dire la sua se portata bene.
Pubblicato Mercoledi 16 Aprile 2014 - 10:04 (letto 3188 volte)
Read Leggi tutto Comment Commenti? Print Stampa
 
Meteo

------------------------------
MeteoLiguria
------------------------------
WindFinder
------------------------------
WindGuru
------------------------------
 
 
Sponsor
 
Login





Lingua del sito:
deutsch english español français italiano português
Privacy Policy Terms of use Site Map ©2014 Cat's Paw Sailing Team All Rights Reserved